Regressione

regressione

 


Per un trattamento individuale o per informazioni

su corsi e seminari contattare la dott.ssa Barbara Michienzi


La finalità è quella di rendere consapevole la persona dei propri percorsi e trovare le chiavi per acquisire o consolidare un benessere interiore.

Quando si parla di crescita e benessere interiore possiamo riferirci sia all’aspetto personale, psicologico che spirituale. Anche un percorso di crescita personale può avvalersi delle regressioni. Infatti una regressione avviene anche nel momento in cui riviviamo un’esperienza del nostro passato, in quello stato di aperta coscienza e consapevolezza possiamo decidere cosa trarre da quel momento come insegnamento e crescita. Rivivere l’esperienza fine a sé stessa spesso ha poco valore, qualsiasi esperienza ha un significato ben preciso per noi. L’inconscio che ci guida in questo viaggio all’indietro ci conduce in un momento specifico che ha una utilità molto importante per noi nel qui e ora, per affrontare il presente e proiettarci al meglio nel futuro, smettendo quindi di portarci carichi o dandoci la giusta chiave per aprire le porte del benessere e della felicità.

Esperienze traumatiche hanno un’enorme carico emotivo che anche se la coscienza lo ignora, esse continuano a lavorare e spingerci a comportarci in un modo anziché in un altro. Immaginiamo di camminare con dei blocchi di pietra agganciati alle nostre caviglie i cui fili spesso sono invisibili, la via sarà lunga e faticosa in questo modo non credete? Questo è quello che succede quando nel nostro passato non siamo riusciti ad elaborare e rilasciare il trauma di un evento del passato.

Molto spesso al concetto di regressione è legato quello di regressione alle vite precedenti e quindi alla reincarnazione. In realtà se decidiamo di fare una percorso del genere possiamo rivivere esperienze di questa stessa vita e comprendere attraverso di esse le esperienze e i blocchi di cui non siamo consapevoli a livello cosciente. La regressione può riportare alla memoria eventi di cui avevamo rimosso l’esistenza, possiamo comprendere meglio alcune dinamiche avvenute nella nostra vita e quindi elaborarle e se serve trasformarle.

La reincarnazione è un concetto legato all’evoluzione dell’Anima attraverso il tempo e lo spazio, usando come mezzo principale il corpo in questa dimensione terrena. L’idea che l’anima possa vivere più esperienze e vivere più di una vita è presente in molte religioni o filosofie. È presente anche nella concezione cristiana, poi trasformato in resurrezione durante un concilio indetto dall’imperatore Giustiniano nel 553 d.c. Esistono molti scritti di santi, pensatori e coloro che sono considerati Padri della Chiesa che fanno riferimento a questo principio.

(Secoli prima, San Giustino, martirizzato nel 165 d.c. affermava: “Le anime abitano più di una volta in corpi umani, ma se si sono rese indegne di vedere Dio in seguito alle loro azioni durante incarnazioni terrestri, riprendono corpo in animali inferiori”.

Anche un brano delle Confessioni di Sant’Agostino sembra alludere alla reincarnazione: “La mia infanzia ha forse seguito un’altra mia età, morta prima di essa? Prima di quella vita, o Dio della mia gioia, io esistevo già in qualche altro luogo o altro corpo?”

San Gregorio Nisseno (335-395) affermava: “È una necessità di natura per l’anima immortale essere guarita e purificata, e quando questa guarigione non avviene in questa vita, si opera nelle vite future e susseguenti”.)

Il sistema di “vite multiple” ha come scopo quello di far evolvere l’Anima, di consentirle di fare esperienza e comprenderla fino in fondo. Di capire che cosa significa sedersi ad ogni posto della tavola e quali sono i risvolti che ogni scelta e ogni decisione comporta. Significa anche fare esperienza in un corpo umano quando l’origine del tutto è divina.

Secondo la fisica quantistica e secondo molti approcci spirituali, il tempo non esiste, e sulla base di ciò potremmo vivere tutte le nostre vite (che consideriamo passate) contemporaneamente a quella attuale. Un viaggio non più nel tempo ma nelle varie dimensioni.

In conclusione che si creda o meno alle vite precedenti è comunque possibile fare esperienze di regressioni che ci conducono al momento del concepimento fino al momento attuale in cui si sta vivendo.

Spesso fare un tuffo nel passato ci consente di spiccare il volo verso il presente ed il futuro senza pesi e senza catene.