Massaggio Sonoro

GongJPG

 

La terapia vibrazionale del suono del Gong usa esplicitamente il suono musicale del gong per creare un esteso stato di meditazione spontanea e di rilassamento terapeutico per guarire e risvegliare la coscienza verso la trasformazione.

Il gong, come lo yoga, coinvolge il corpo, la mente e lo spirito.
L’onda sonora che produce è tangibile al tatto, stimola il corpo fisico ed influenza la superficie della pelle. Il “tocco sonoro” del gong può essere un tocco di guarigione poichè stimola i dermatomi del corpo.

I dermatomi sono zone di superficie della pelle che si estendono dalla colonna vertebrale in tutto il corpo. Attraverso una rete di nervi, queste aree della pelle sono connesse ai diversi organi nel corpo e possono essere stimolate dalle onde sonore, in maniera molto simile al massaggio, producendo effetti sugli organi corrispondenti e sulle altre zone del corpo.
Molteplici sono stati gli usi del gong a fini terapeutici.

Il suono vibrazionale e gli armonici del Gong stimolano la circolazione sanguigna e il sistema ghiandolare (in quanto agisce direttamente sull’ipofisi), creano un rilassamento profondo, agiscono sulla mente e sulle emozioni e sono d’aiuto alla riorganizzazione dell’energia emotiva, dei sentimenti e del sistema nervoso.

La pratica della terapia del Gong induce ad una trasformazione del sé creando un “non ordinario stato di realtà trascendente e una connessione con la vastità che va oltre il sé finito”.


Guru Jai kaur

Raffaella Del Ferraro (nome spirituale Guru Jai kaur) è laureata in Antropologia Culturale alla facoltà di Sociologia e da sempre nutre un profondo interesse per le dinamiche di evoluzione individuale che appartengono alle molteplici culture sparse in tutto il mondo; tale da farla avvicinare allo studio dello Yoga Kundalini, del Gatka (l’arte marziale sick) e della musicoterapia con il Gong.

Diplomata all’ IKYTA (International Kundalini Yoga Teacher Associations) e all’International Gatka Academy, segue il suo attuale insegnante Guru Shabad Singh Khalsa, diretto allievo di Yogi Bhajan, sin dal 1997.
E’ da allora che ha intrapreso un viaggio di conoscenza verso il suo se’ infinito decidendo di condividerlo con gli altri attraverso l’insegnamento.

Oltre a suonare strumenti elettronici, quali batterie, campionatori e sintetizzatori si è avvicinata allo studio terapeutico del suono divenendo una master Gong e negli ultimi anni utilizza l’armonium, il tank drum e le campane tibetane quali strumenti di elevazione e trasformazione della coscienza affinché ognuno possa ritrovare un legame con la propria parte Divina e con l’intero Universo che e’ dentro di se’.